Associazione di Volontariato Oncologico

NonSiamoSoli onlus

C.F. 90071280086

Iscrizione al Registro Regionale

delle Organizzazioni di Volontariato

SN-IM-002-2009

   

Home
attivita'
carta dei servizi
convenzioni
info utili
viaggi
donazioni
storia
contatti
download
audio e video
link 

NonSiamoSoli onlus fa parte della Consulta delle Associazioni di Volontariato e Tutela del diritto di salute dell'ASL1 Imperiese

 

NonSiamoSoli onlus aderisce alla F.A.V.O. Federazione Italiana delle

Associazioni di Volontariato in Oncologia

 

 

Visita il nostro profilo su Facebook


Ricordiamo a tutti i soci che è possibile rinnovare la quota associativa per il 2017 effettuando un bonifico bancario all' IBAN:
IT26Q0843922700000100102295

Per chi desiderasse diventare nuovo socio è necessario recarsi in sede il mercoledì pomeriggio dalle 15,30 alle 17 muniti di carta d'identità e codice fiscale.

Il costo della tessera è di € 30 per i soci ordinari e di € 50 per i soci sostenitori.

Ricordati di devolvere il 5 per 1000 della tua dichiarazione dei redditi alla nostra

Associazione, il nostro codice fiscale è 90071280086


L'unione fa la forza:  Clicca qui per un simpatico video!

COMUNICATO STAMPA

FAVO: l'8 marzo nasce FAVO DONNA per tutte le donne colpite direttamente o indirettamente da ogni tipo di tumore.

Roma, 8 marzo 2017 - Nasce FAVO DONNA, voluto dall’Assemblea della Federazione italiana delle Associazioni di Volontariato Oncologico - F.A.V.O., il gruppo di lavoro vede la partecipazione attiva della rappresentanza femminile di 39 associazioni federate. FAVO DONNA persegue l’obiettivo di assicurare la migliore qualità di vita alle donne colpite direttamente o indirettamente dal cancro, attraverso iniziative concrete ed efficaci di promozione ed attuazione della tutela dei diritti e focalizzandosi su tematiche di carattere trasversale a tutti i tipi di tumore.

In Italia ogni anno oltre 170.000 donne ricevono una diagnosi di tumore, di queste circa 70.000 sono in età lavorativa. Le donne che vivono oggi con un pregressa diagnosi di cancro sono 1,7 milioni. A questi numeri vanno aggiunte le centinaia di migliaia di donne che vengono colpite indirettamente dal cancro e che svolgono il delicato e prezioso compito di conforto, assistenza e accompagnamento di un proprio caro nei luoghi di cura.

In questo contesto, le associazioni dei pazienti intendono portare alle Istituzioni quel contributo di esperienza di chi ha vissuto e combattuto il cancro e conosce pertanto i nuovi bisogni dei malati cui le politiche sanitarie e di welfare devono dare risposte adeguate. Le associazioni sono pronte ad indicare le soluzioni più vicine alle necessità di cura e di assistenza dei malati e dei guariti dal cancro e vogliono che questo patrimonio di conoscenze riceva, come nel resto del mondo, il giusto ed effettivo riconoscimento e coinvolgimento.

Punto di partenza degli obiettivi che FAVO DONNA intende perseguire è il Manifesto che in 10 punti elenca le tematiche significative per le donne colpite direttamente o indirettamente da ogni tipo di tumore: dalla prevenzione alla medicina di genere, dal benessere psicologico e sessuale alla nutrizione in tutte le fasi del percorso di cura, dalla tutela del desiderio di maternità dopo il cancro alla cura dell'immagine corporea, dall'equo riconoscimento della disabilità oncologica nel rispetto della persona al diritto alla riabilitazione come parte integrante delle cure, dalla tutela del lavoro per lavoratrici malate o caregiver al diritto alle cure palliative ed alla terapia del dolore.

Tutto questo è FAVOlosamenteDONNA!


Per approfondire

Guarda il video (YouTube)

Scarica il Manifesto di F.A.V.O. Donna (formato PDF)

8 marzo, arriva FAVOlosamenteDONNA dedicato a donne e tumori femminili. Dentro anche NonSiamoSoli

L'associazione sanremese è rappresentata da Anna Chiarello col contributo di Noemi Angelini e Tiziana Guatta

fonte: Riviera24

di - 08 marzo 2017 - 10:34

Sanremo. L’associazione di volontariato oncologico NonSiamoSoli onlus partecipa attivamente al gruppo di lavoro FAVO Donna allo scopo di focalizzare l’attenzione sulle donne e i tumori femminili. In quest’occasione l’associazione sanremese è rappresentata dalla socia volontaria Anna Chiarello ma il lavoro vedrà anche il contributo di Noemi Angelini e Tiziana Guatta rispettivamente vice presidente e presidente di NonSiamoSoli onlus.
In Italia ogni anno oltre 170 mila donne ricevono una diagnosi di tumore, di queste circa 70 mila sono in età lavorativa. Le donne che vivono oggi con un pregressa diagnosi di cancro sono 1,7 milioni. A questi numeri vanno aggiunte le centinaia di migliaia di donne che vengono colpite indirettamente dal cancro e che svolgono il delicato e prezioso compito di conforto, assistenza e accompagnamento di un proprio caro nei luoghi di cura. In questo contesto, le associazioni dei pazienti intendono portare alle Istituzioni quel contributo di esperienza di chi ha vissuto e combattuto il cancro e conosce pertanto i nuovi bisogni dei malati cui le politiche sanitarie e di welfare devono dare risposte adeguate. Le associazioni sono pronte ad indicare le soluzioni più vicine alle necessità di cura e di assistenza dei malati e dei guariti dal cancro e vogliono che questo patrimonio di conoscenze riceva, come nel resto del mondo, il giusto ed effettivo riconoscimento e coinvolgimento.

Ecco dunque  il Gruppo FAVO Donna che si pone in attuazione della volontà espressa dall’Assemblea di F.A.V.O. e con la partecipazione attiva della rappresentanza femminile di 33 associazioni federate, con l’obiettivo di assicurare la migliore qualità di vita, attraverso iniziative concrete ed efficaci di promozione ed attuazione della tutela dei diritti delle donne colpite direttamente o indirettamente dal cancro, focalizzandosi su tematiche di carattere trasversale a tutti i tipi di tumore.

1, 2, 3… Prevenzione! Mobilitazione delle donne per l’educazione alla prevenzione primaria in famiglia, a scuola e sul posto di lavoro. Sensibilizzazione all’adesione agli screening ed azioni di advocacy per l’ampliamento delle fasce di età. Promozione della conoscenza dell’importanza della prevenzione terziaria per le donne che hanno avuto un tumore.

Valorizziamo le differenze! Sensibilizzazione alla realizzazione di studi clinici e trattamenti terapeutici che tengano conto delle differenze di genere in oncologia, per garantire equità e appropriatezza delle cure in un’ottica di medicina personalizzata. Le differenze di genere hanno infatti un forte impatto sia sull’incidenza che sul decorso delle malattie (esiti, comorbidità, risposte ai farmaci, effetti collaterali, sintomatologia).

Amore e psiche. Promozione del diritto al sostegno psicologico durante la malattia e dopo la guarigione per le pazienti e per le donne che si prendono cura di un proprio caro malato. Rientra nel benessere della persona  il recupero del rapporto di intimità con il partner: attraverso un’adeguata e reale assistenza multidisciplinare che tenga conto delle eventuali mutate condizioni psicofisiche, va favorito anche lo sviluppo di una rinnovata e soddisfacente sessualità.

Nutrizione: fame di vita. Nutrirsi bene aiuta a prevenire il tumore, potenzia l’efficacia delle terapie e contribuisce a evitare possibili ricadute, in linea con la “Carta dei diritti del paziente oncologico all’appropriato e tempestivo supporto nutrizionale” di FAVO, AIOM e SINPE. Le donne educate ad una corretta alimentazione sostengono con più forza le cure e insegnano alle loro famiglie a mangiare sano.

Madre dopo il cancro. Diritto all’informazione e alla consulenza sulla fertilità prima dell’inizio dei trattamenti antitumorali e informazioni sulla possibilità di adottare un figlio. Sempre donne, sempre belle! Riconoscimento della consulenza estetica, della dermocosmesi e del diritto alle parrucche quali servizi imprescindibili per la cura di tutte le donne che hanno un tumore.

Equità, dignità e rispetto! Uniforme applicazione dei criteri di accertamento di invalidità ed handicap su tutto il territorio nazionale. Il riconoscimento della disabilità oncologica è il presupposto necessario e sufficiente a garantire l’accesso ai benefici giuridici ed economici previsti dalle norme vigenti per il superamento degli ostacoli determinati dalla malattia e dagli effetti collaterali delle terapie. In questo contesto, garantire la presenza di medici donne tra i componenti delle commissioni medico legali, può contribuire a creare un’atmosfera più accogliente e distesa nel rispetto della dignità della donna malata di tumore.

Riabilitazione è … (ri)progettare il futuro. Per poter garantire il pieno recupero durante e dopo il cancro sono necessari interventi riabilitativi multidisciplinari di natura bio-psico-sociale che aiutino le donne che convivono con il tumore o guarite a tornare ad una vita di qualità per riprogettare il futuro.

Donne al lavoro! Tutela del diritto al mantenimento del posto di lavoro durante e dopo il cancro: il lavoro è vita, è rispetto della dignità della persona, è conferma dell’identità e del ruolo nella vita attiva. Conciliare i tempi di cura e di assistenza alla persona malata con i tempi di lavoro sono diritti inalienabili di tutte le lavoratrici.

Cure palliative e fine vita. Garantire alle donne malate ed a quelle che si prendono cura di una persona malata di cancro la corretta informazione sulle possibilità di accesso alle cure palliative ed alla terapia del dolore in ogni fase della cura ed in particolare in quella terminale, nel pieno rispetto della dignità della persona.

“A tutte le donne dedico questa poesia edita nel lontano 2007: Donne Italiane Donne velate Donne italiane Donne rasate Non per scelta ma per malattia Non per religione ma per le cure Donne che lottano per sopravvivere Alla pseudo condanna Donne giovani Con tanto coraggio Donne con figli piccoli Troppe donne malate Molte donne in via di guarigione Forza donne Donne italiane”. Tiziana Guatta

L'associazione NonSiamoSoli Onlus  si occupa principalmente di donne che vivono o hanno vissuto l’esperienza del tumore al seno.

E' nata dall'esigenza di condividere, in un primo tempo, i viaggi in ospedale, successivamente anche i problemi, le soluzioni, le esperienze e tutto cio' che una persona malata ed i suoi familiari sono costretti ad affrontare.

Il gruppo si e' pian piano allargato e da marzo 2007 si e' finalmente costituito in Associazione di Volontariato.

E' sempre disponibile la possibilità di comunicarci i tuoi viaggi verso gli Ospedali, inviaci una mail a e noi verificheremo quando qualcuna di noi si reca in ospedale e offre uno o più posti in macchina oppure cerca un passaggio. Indica il giorno, l'ora, la destinazione, se offri o chiedi un passaggio, e un recapito telefonico a cui essere contattati.

Siamo raggiungibili anche telefonicamente al numero 331.3966077 chiamateci oppure inviateci un sms, sarete ricontattati al più presto.

 


 

donazioni e

5 per mille

Iscriviti alla nostra mailing list

basta cliccare sul fiore, si aprirà, sul tuo PC il programma che utilizzi per la posta elettronica, non devi far altro che selezionare "invio" senza aggiungere né testo né oggetto.

Riceverai le notizie sulle nostre attività

Clicca qui per scaricare il nostro depliant (pdf)

web

www.nonsiamosoli.it